Categorie
Bevande

Le 9 Migliori Vodka al mondo [GUIDA 2021]

Le migliori vodka al mondo hanno preparazioni semplici, ma sono flessibili e benevole con i mixologist del mondo.

Non c’è frutta con cui la vodka non si abbini, ecco perché diventano la scommessa più sicura di tutte perché è una bevanda composta solo da acqua e alcol.

Una buona vodka si basa sulla sua semplicità e sul modo in cui si rivolge al palato. Essendo fondamentalmente acqua e alcol, è pensato per essere forte, ma sicuro.

Le 9 migliori vodka del 2021

Il seguente elenco premium include solo vodka la cui laurea si adatta allo standard internazionale. Preparati!

1. Vodka Absolut Raspberri

Una vodka svizzera, preferita dai baristi per la facilità di miscelazione che rappresenta, poiché cerca solo di evidenziare un ingrediente nella sua formula. Può essere miscelato in quasi tutti i modi e lo farebbe armoniosamente.

Si presenta sia al palato che al naso, mettendo in risalto il lampone, che è l’unico ingrediente con cui viene distillato.

Questa vodka è indicata per i pazienti che soffrono di diabete, perché non ha zuccheri aggiunti o ingredienti artificiali. Il suo imbottigliamento fa appello all’eleganza più che al glamour e all’eccentricità, con solo tocchi di colore esplosivo in diverse tonalità, sarebbe un ottimo regalo.

Al contrario, si può evidenziare che è “troppo semplice” nella sua formula. Non è una bevanda che può essere gustata da sola rispetto a tante altre in concorso. Inoltre, poiché manca di contrasto, è molto forte, quasi come la vodka assoluta.

2. Vodka Ciroc

È una bevanda francese premium, vincitrice di due medaglie d’oro al San Francisco World Spirits Competition nel 2010, essendo una delle prime vodka al mondo create dall’uva e non dai cereali.

Con l’intento di produrre una vodka morbida, leggera e rinfrescante, viene distillata 5 volte per accentuare il sapore delle migliori uve da vendemmia francese e infine ridotta con acqua per ridurne la gradazione alcolica.

Contrariamente a quanto possa sembrare, questa vodka ha più toni agrumati che dolci, evidenziando due importanti varianti dell’uva francese; Mauzac Blanc e Ugni Blanc, che invadono sia il palato che l’olfatto.

La bottiglia è incredibilmente elegante, ornata di rilievi allegorici della natura e di forma esagonale, con un’etichetta piuttosto ridotta per apprezzare la bellezza del prodotto stesso.

È una vodka con carattere, che può dare un’impressione negativa perché cerca di essere specifica. Sebbene non perda l’essenza di una vodka, il suo sapore intenso ne toglie flessibilità e ad alcune persone può persino sembrare artificiale.

3. Vodka Grey Goose

Di origine francese, è una vodka premium altamente riconosciuta in tutto il mondo. La qualità di questa bevanda è dovuta all’altissima richiesta dei suoi ingredienti. A base di grano tenero invernale della Piccardia e ridotto con acqua della sorgente Gensac.

All’olfatto si percepiscono note floreali, che danno la sensazione di fresca natura. E al palato è dolce, con un tocco di mandorla. Scendendo in gola, è morbido e ha un gusto prolungato.

Questa vodka è così sublime che di per sé rappresenta una bella esperienza. Non è necessario mescolarlo per consumarlo, basta il ghiaccio.

Il suo imbottigliamento è davvero eccezionale. Niente di sopra le righe, ma altrettanto piacevole alla vista. Funge da decorativo senza aggiungere altro e dona la sensazione di una bevanda fresca.

Rispetto alla sua qualità, il prezzo è abbastanza abbordabile. Tuttavia, è abbastanza mite per il gusto delle persone eccentriche.

4. Vodka Belvedere Pure

La supremazia nelle vodka e dalla Polonia. La sua intenzione iniziale non è quella di far parte di un mix, ma di dimostrare l’incredibile sapore e consistenza che presenta in sé.

Questa vodka è quella tipica che va servita a bicchierini, con temperatura al clima. Il suo sapore è un equilibrio tra dolce e salato, dolce e piccante; mettendo in risalto la vaniglia e il pepe bianco tra gli ingredienti.

Pur avendo un sapore intenso, non risulta invadente al palato. È liscio e vellutato lungo la gola. Al naso si apprezzano note di vaniglia e segale.

Ha vinto 3 medaglie al concorso Vodka Master nel 2013, nelle categorie Super Premium, Eastern Europe e Mild. Oltre ad avere più di 20 diversi riconoscimenti, ne fanno una delle vodka più premiate della storia.

Tra i contro di questa bevanda, ne spiccano due; Il suo prezzo è piuttosto alto rispetto alle competizioni, questo è dovuto al suo riconoscimento cinematografico e alla sua fama, oltre ad essere leggermente asciutto.

Se stai cercando una bottiglia regalo, il suo design potrebbe essere troppo semplice.

5. Vodka Crystal Head

Degno di nota. Questa vodka canadese sa come avere un impatto e far girare la testa fuori dalla scatola. Il suo imbottigliamento a forma di teschio è diventato il preferito estetico di molti bar in tutto il mondo.

All’olfatto è leggermente neutro, evidenziando appena l’aroma dei cereali della sua preparazione e piccoli tocchi agrumati.

Al palato invece è molto più imponente, essendo leggermente dolce con sentori di vaniglia, ma apparendo setoso, il che lo rende controverso all’assaggio. Questo ti porta la fama della vodka più pura al mondo.

Perfetta per miscele di qualsiasi tipo o da bere da sola, lo svantaggio di questa vodka sta nel gusto, in quanto non ha un sapore esotico.

6. Ciroc Red Berry Vodka

Vodka francese ultra premium, dall’aroma e dal sapore intensi. Un intenso mix tra frutti rossi naturali ed essenze di frutti rossi, che esalta sia l’olfatto che il gusto.

Al palato spiccano in un’esplosione intensa i sapori di lampone e mora, leggeri, morbidi come il velluto, ma di grande carattere. L’olfatto accompagna questi sapori per rimasterizzare l’esperienza.

Questo marchio si caratterizza per la produzione di vodka a base di uva, fornendo una nuova esperienza più fruttata che, mescolata con frutti rossi, la rende perfetta per essere bevuta solo con ghiaccio.

È perfetta come regalo, la bottiglia, che fornisce un effetto sfumato, avverte dell’intenso sapore di frutta rossa e fornisce eccentricità grazie alla pietra rossa incastonata nella parte superiore.

Cerca di essere amichevole con tutto il pubblico, a causa del suo basso contenuto di alcol, quindi se quello che stai cercando è qualcosa di più forte, è ben al di sotto di esso.

7. Russian Standard Original Vodka

La classica rappresentazione di una buona vodka russa. Non è pensato per essere complesso da influenzare, quindi i suoi sapori non tendono ad andare in altro modo che enfatizzare i cereali che fanno una buona vodka.

Viene calato con acqua di ghiacciaio, mantenendone la purezza, e filtrato dal carbone. Una prova affidabile che non serve altro che un prodotto di qualità per essere presenti sul mercato.

È la vodka più venduta in Russia, dominando il 60% del suo mercato.

Di colore trasparente, l’odore e il gusto sono dominati dal grano naturale, dal pepe e da un leggero tocco di lievito.

Questa vodka è pensata per essere gustata in bicchierini e, sebbene possa essere utilizzata per la miscelazione, non è l’ideale.

Il contro di questa vodka sta nel classico, se quello che cerchi è un sapore dolce e leggero, non soddisfa quelle aspettative.

8. Reyka Vodka

Una vodka islandese di carattere. Uno dei distillati più puri esistenti, la sua produzione è manuale, il che lo rende ancora più speciale.

Il procedimento è naturale e curioso, essendo distillato da un alambicco unico nel suo stile, usato solo per quella vodka una volta nel campo delle preparazioni alcoliche, cosa rara quando si parla di vodka, e filtrata attraverso pietre vulcaniche.

Infine viene calata con pura acqua di sorgente vulcanica. Ogni ingrediente è unico e porta alla perfezione della bevanda.

Ha tutto il carattere di una vodka russa, a cominciare dalla presentazione. La bottiglia non è completamente ornata, ma è imponente.

Di colore cristallino, scendendo al palato si fa sentire con il calore. Non è eccessivamente aromatico, ma compensa con la qualità.

Sebbene possa essere gustato solo con ghiaccio, è ideale per la preparazione di cocktail più classici. Con questa vodka si prepara un Martini indimenticabile.

Sicuramente non è per tutti. Il suo sapore è forte, rotondo, un po’ secco se piace. Con un lungo retrogusto. Un buon amante della vodka lo apprezzerebbe, ma le persone abituate alla leggerezza no.

9. Absolut Vodka Elyx

Riconosciuta come la migliore vodka al mondo, prodotta completamente a mano in Svezia. La sua fama è ben meritata ed è che il marchio ha messo il meglio di sé per ottenere questa vodka pluripremiata.

È ricco di riferimenti alla cultura della vodka, dal design della sua bottiglia che cerca di ricordare un vecchio bollitore di rame, al sapore stesso.

Al naso si notano toni di vaniglia, in un modo che si può definire cremoso, in quanto non è così intenso da invitare all’assaggio. Il palato è l’affondo finale, con aromi di frutta e una grande presenza di vaniglia.

Una vodka progettata esclusivamente per gli amanti della vodka. I nuovi palati abituati a cocktail dolci e bevande poco alcoliche potrebbero non apprezzarne le potenzialità.

Conclusioni

Mentre la Russia è il padre della vodka, altri paesi sono riusciti a distillare la bevanda e a farsi un nome. Ed è che una buona vodka non ha bandiere. Si caratterizza per i suoi ingredienti selezionati, il metodo di distillazione e gli aromi che possono presentare.

Per tutti i gusti, da quelli molto leggeri, passando per quelli secchi e anche quelli che sanno solo di alcol, è una bevanda che merita il fanatismo che le viene dato. Pochissimi possono adattarsi anche a contesti diversi come fa la vodka.

Categorie
Bevande

I 12 Migliori Whisky al mondo del 2021

La gloria fermentata. Creati dalla migliore selezione di chicchi di cereali e invecchiati in botti di legno specializzate, i migliori whisky del mondo sono valutati secondo l’apprezzamento non solo dei migliori mixologist, ma anche l’opinione dei consumatori e il loro margine di vendita.

Migliori Whisky al mondo del 2021

Una bevanda classica, piena di carattere e fatta per essere gustata senza prodotti aggiunti.

Un buon whisky diventa protagonista di ogni incontro, di innegabile fama e che non può mancare in nessun bar. Ecco i migliori:

1. Laphroaig, Islay Single Malt Scotch Whisky

In cima, dalla Scozia, viene presentato questo whisky invecchiato per 10 anni in botti di rovere, che fornisce l’essenza e il sapore del legno caratteristico della bevanda. La sua origine è leggermente incerta, ma risale al 1800.

Vincitore di tre medaglie nelle rispettive competizioni del San Francisco World Spirits Competition 2019, Gold Medal, Whisky Bible di Jim Murray e Sip Awards California, ottenendo la medaglia d’argento.

È un whisky rustico, a dir poco, quando si tratta di sapori. Spiccano i toni terrosi, speziati e di orzo maltato, perfettamente bilanciati da sentori di sale, torba, vaniglia e miele.

L’olfatto si rivolge quasi agli stessi odori, rafforzando la sensazione di un buon whisky ed esaltando la validità del suo invecchiamento. Inoltre, c’è un’aria marina, note di iodio, alcune erbe e la piccantezza del pepe nero.

Questa combinazione lo rende rinfrescante, leggermente informale e apre la gamma da gustare in diverse occasioni, non necessariamente formali.

Tuttavia, è un whisky pensato solo per gli amanti di questo tipo di bevanda, senza essere un buon benvenuto per coloro che iniziano a conoscere questo mondo.

2. Lagavulin 16 Year Old Scotch Single Malt

Con una storia di oltre 200 anni e proveniente da Islay, in Scozia, è una bevanda totalmente intensa, ma morbida, a causa del tempo di invecchiamento. Trascorre almeno 16 anni in botti di rovere, acquisendo tocchi affumicati di sapore di torba e una certa secchezza che lo rendono un prodotto completamente rotondo.

Il suo colore ambrato tende ad essere scuro, ricordando piuttosto il miele.

Al palato si rileva un equilibrio dolce-salato. Questo whisky ricorda il mare dove è apprezzato, con sapore di iodio, alghe, sale e tocchi di legno, ricorda una vecchia barca.

Finale lungo, persistente e superbo, con un’elevata presenza di torba, sale e alghe nel retrogusto.

I contro di questo whisky si basano sull’odore. È molto odoroso, che può essere fastidioso per alcuni utenti, oltre ad essere estremamente forte, sia all’inizio che alla fine. Una bevanda pensata per gli amanti del whisky con carattere.

3. Talisker 10 Anni Single Malt Scotch Whisky

Sempre dalla Scozia, è un whisky single malt dell’isola di Skye e vincitore di una medaglia d’oro all’International Spirits Challenge 2014.

È un buon whisky per iniziare nel mondo dei maltesi scozzesi, poiché è morbido sia al gusto che alla gola.

Acquisisce un’elevata presenza di tocchi marini perché la sua fabbricazione è su un’isola, poiché il salnitro penetra nelle botti. Il suo colore tende più al giallastro quasi rossastro, abbastanza brillante.

Un whisky che si gode solo per la sua morbidezza. Ha note affumicate di torba, e un tocco speziato di pepe, il retrogusto ha alcuni tocchi acidi di mela e dolcezza di pera. Il suo imbottigliamento punta sul tradizionale, senza grandi ornamenti.

Il finale è lungo e stratificato, inizia con affumicato, speziato e termina con un tocco di spezie. È abbastanza equilibrato dall’inizio alla fine.

L’unico aspetto negativo di questa variazione è il sapore invadente del mare, che non è destinato a essere per tutti. Tuttavia, una volta che ti piace, non lo perdi mai.

4. Cardhu Gold Reserve Single Malt Scotch Whisky

Appartenente all’orgoglio scozzese, è una bevanda ultra premium, dal sapore e dal colore intensi. Invecchiato in botti di rovere tostato, il sapore di questo legno è molto presente sopra gli altri ingredienti.

Tuttavia, si inserisce perfettamente in un equilibrio dolciastro. Al palato si percepiscono note di cannella, caramello, mela e cioccolato fondente con una netta presenza.

Il suo odore è piuttosto particolare, come un biscotto appena sfornato. Genera un equilibrio leggermente contraddittorio ma che si adatta nel migliore dei modi.

Si consiglia di bere da solo o con cioccolato fondente, formaggi o uva.

Uno svantaggio, che dipende piuttosto dai gusti, è che si tratta di un whisky molto morbido per gli amanti delle bevande più classiche e con un sapore spiccatamente legnoso, quindi i sapori dolci possono causare problemi ai palati più abituati a whisky leggermente salati e affumicati.

5. Johnnie Walker Green Label Blended Malt Scotch Blended Whisky

Viene invecchiato per un periodo di 15 anni dalla produzione e miscelazione di 4 whisky della stessa casa. Queste sono due delle caratteristiche più importanti che l’hanno portata ad essere una doppia medaglia d’oro nella categoria Best Scotch Whisky al San Francisco World Spirits Competition.

Prende il nome dalle erbe con cui è stato preparato.

Questi sono molto presenti al naso, così come il fumo d’erba, il pepe, un tocco di vaniglia e legno di sandalo. Ha profumi ben definiti ed è senza glutine.

Questo è importante per coloro che hanno zuccheri controindicati. La sua bottiglia è elegante e rispetto ad altre della stessa casa è di qualità superiore.

L’unico aspetto negativo di quel whisky, non è nemmeno un vero svantaggio. Grazie al suo rapporto qualità-prezzo, fissa lo standard molto alto per altri whisky di presunto maggiore apprezzamento.

6. Talisker Storm Whisky con astuccio

Il vincitore della medaglia d’oro all’International Spirits Challenge 2014 è un whisky scozzese che ricorda una nave.

È fabbricato su un’isola dove la forte azione del vento trasporta i rifiuti alle sue botti di rovere americano, che sono arricchite con elementi marini.

Al palato è denso, segna il territorio al solo assaggio e allunga il gusto. I toni del sale, del metallo e della gomma, affumicati con un sapore di legna da ardere, tutti distinguibili tra ogni bevanda.

Il finale è dolce, lungo e con un fresco retrogusto di frutti di bosco; la vera espressione di un whisky classico.

La delusione di questo whisky sta nella sua intensità. È un po’ difficile riconoscere in prima persona gli ingredienti non tradizionali, quindi per avere un’esperienza completa deve essere lavato con acqua.

Per alcuni, che non hanno saputo berlo bene, perde la sua grazia.

7. Johnnie Walker Blue Label Whisky Esconcés

Un mix lussuoso. Questo marchio presenta la miscela dei whisky più specifici degli stessi, creando questo gioiello. Non cerca affatto di essere tradizionale, ma un’esperienza eccentrica e lussuosa.

Per cominciare, le botti utilizzate passano attraverso un complesso processo di selezione, impedendo così a qualsiasi legno di invecchiare il whisky.

È un whisky decisamente dolce. Al palato presenta intense note di cioccolato e miele, ed altre meno percettibili di alcune spezie e fiori.

Al naso non fa che migliorare il processo, mettendo in risalto e anticipando i sapori da assaporare. Questo whisky definisce il concetto di creare anticipazione.

Perfetto per gli iniziati al mondo del whisky.

Tra i contro di questo whisky c’è che il suo prezzo è molto alto, rispetto alla concorrenza della propria casa e di altri.

Il suo sapore potrebbe non essere il più ideale per un whisky. Il punto debole più grande sarebbe che all’interno della stessa casa ci sono varianti di qualità inferiore abbastanza simili.

8. The Dalmore 12

Impressionante solo a vederlo. Una volta uscito dalla confezione, la prima impressione che dà è che si tratta di un whisky di malto di altissima qualità. Quel colore oro rossastro e l’immagine dell’alce si impongono ad occhio nudo. Una bottiglia perfetta per vestire un bar.

Viene invecchiato in botti di rovere americano ex bourbon, che fornisce un’incredibile presenza nel suo processo di invecchiamento, inizialmente invecchiando 9 anni all’interno, poi viene diviso per essere maturato in botti di sherry.

Nonostante il periodo, la sua qualità è considerata molto più alta per un whisky così giovane.

In bocca offre tocchi variegati di agrumi concentrati, vino di sherry e toni di bacca di vaniglia. Al naso, invece, esalta un profumo di cioccolato e spezie aromatiche. Infine, il retrogusto esalta le note di caffè tostato e cioccolato, offrendo un’esperienza equilibrata.

Al contrario si può valutare che per qualità è in una categoria molto bassa, quindi tende ad essere offuscato da altri concorrenti che offrono un prodotto simile solo per via degli anni di invecchiamento.

La bevanda, d’altra parte, non è lunga come al solito, il che può essere scomodo lasciandoti desiderare “di più”.

9. The Glenrothes Single 12

Il suo design è piuttosto elegante, cerca di combinare molto bene l’effetto visivo con il prodotto che presenta. Il suo colore marrone scuro con tendenza all’oro si sposa bene con l’etichetta, generando una sensazione avvolgente. Se pensato come regalo è l’ideale, visto che si può apprezzare dalla scatola.

Viene maturato in botti dove lo sherry è stato precedentemente fermentato.

Il suo sapore è leggero, morbido, con note di vaniglia e scorza d’arancia molto presenti, altre note che si possono catturare sono banana, melone e limone e ricordi di cannella.

All’olfatto si percepisce con semplicità dolcezza e un tocco citrico di lime. Ha un finale lungo nonostante la sua morbidezza, offrendo una bevuta piena alla volta.

Gli svantaggi di questo whisky sono due molto evidenti. Il primo, non avendo alcun tipo di colorazione artificiale, il contenuto può sporcarsi molto velocemente. Inoltre, il suo prezzo è molto alto rispetto alla concorrenza.

10. Cardhu 12 Años

Un whisky scozzese che scommette sul classico, vincitore di una medaglia d’oro in The Scotch Whisky Masters nel 2014. La sua casa ha una reputazione di circa due secoli, quindi le sue formule sono migliorate fino a diventare ciò che è noto oggi.

Questo whisky gioca più con le sensazioni che con i sapori. Si apre con note dolci, rimanendo fresco sulla lingua, ma quando scende spicca la presenza affumicata e secca.

Il suo aroma è caratteristico, forte di legno e malto sopra ogni cosa. Ed è di colore oro molto brillante, che colpisce.

La sua presentazione è abbastanza rustica, senza perdere il classico. Quando lo vedi, dà l’impressione che sia un whisky buono e molto vecchio.

Il fastidio si basa sul classico che è. Se stai cercando una nuova esperienza, questo whisky non la fornisce. Si riduce ad essere di alta qualità nella sua gamma, niente di più.

11. Johnnie Walker Gold

Creato per le occasioni speciali, essendo una miscela di whisky premium e riconosciuto come la migliore combinazione perché accoppiati per creare un dolce equilibrio.

Ha vinto l’oro all’International Wine and Spirit Competition e al San Francisco World Spirits 2014.

Al palato bilancia i sapori dolci e affumicati, così come il legno contro di loro. Cerca di non essere invasivo senza perdere l’essenza della bevanda, ma anche di essere delicato e morbido.

Il miele spicca tra gli altri, ma può essere anche denotato vaniglia, noci, uva passa e mele, in contrasto con gli amari del cereale e spezie come noce moscata e cannella.

L’odore invita a bere attraverso i sentori di toffee, caramello, pesca, vaniglia e miele, senza dimenticare il caratteristico fumo di torba.

Rispetto all’età del whisky è sconosciuta, forse come strategia di marketing per posizionarsi più in alto grazie alla qualità.

12. Macallan Double Cask 12

Maturato in due tipologie di botti, la prima, americana ex bourbon, e la seconda dedicata allo sherry europeo. Un prodotto su cui puoi scommettere ad occhi chiusi. Il suo colore è naturale, leggermente scuro ma dorato brillante.

Al palato è mielato, ma equilibrato con fumo e sapore secco. Ciò è dovuto alla sua doppia maturazione, estraendo il più rappresentativo da ciascuna delle botti. Al naso è presente l’agrume della mela, con leggeri tocchi di vaniglia e uvetta con caramello.

È una buona scommessa sia per gli intenditori che per i principianti nel mondo dei whisky. Nonostante sia un whisky di mezza età, la sua qualità è al di sopra di ciò che lo rende costoso in confronto, ma è un investimento che vale la pena fare.

Conclusioni

Se è scozzese, è sicuramente un buon whisky. Sebbene sia una bevanda che non varia molto nella sua concezione, non si può dire che sia per un solo tipo di persona. Imparare ad apprezzare l’effetto che il legno ha sulla fermentazione è il primo passo per apprezzare l’alta qualità di questi whisky.

Se quello che vuoi è dare formalità al brindisi, niente di meglio di un buon whisky.

Categorie
Bevande

Le 10 Migliori Tequila – 2021 Classifica

Le migliori tequila del mondo fanno parte delle insegne culturali del Messico e lo stato di Jalisco è riconosciuto come la culla della produzione di questa particolare bevanda. Si ottiene sempre grazie all’agave, materiale vegetale che dopo la cottura dona molto sapore al liquore.

Sono numerosi i marchi sul mercato, ognuno promette un’esperienza positiva al palato, poiché si sforzano di produrre un prodotto di ottima qualità.

Migliori Tequila – 2021 Classifica

Tequila morbide e forti con note variegate, preparati a conoscere il migliori di oggi:

1. José Cuervo Tequila Especial 38º, 700ml

È una tequila a base di vodka e con una gradazione alcolica valutata a 38. La presentazione è una bottiglia che contiene 700 ml e ha un bel colore ambrato con un’etichetta di qualità rappresentativa.

Questo è un liquore fatto in modo tradizionale e ha una storia. La sua produzione, infatti, si basa sulle usanze dello stato messicano di Jalisco, dove si sceglie l’agave blu, che viene scelta a mano per poter lavorare successivamente il prodotto migliore, anche se poi passa per il torchio e viene distillata.

La cosa più interessante è che il prodotto ottenuto viene confezionato in botti di rovere, nelle quali il liquore inizia ad invecchiare e ad acquisire un gusto e un odore di legno molto caratteristici. Ogni utente dovrebbe sapere che si tratta di un liquore dal prezzo elevato, poiché ottenerlo richiede un lungo processo.

2. Don Julio Tequila Reposado, 700ml

È una tequila invecchiata o riposata, che viene confezionata in una bella bottiglia dalle forme arrotondate. Ha sapori molto delicati, infatti, contiene elementi di alcune spezie aromatiche come la cannella e anche la vaniglia, che gli conferiscono molto aroma, ma ne toglie il sapore.

La bottiglia contiene poco meno di un litro, 700 ml di contenuto esatto. Ha un sapore molto più maturo, ma contiene anche elementi che lo ammorbidiscono e gli conferiscono particolarità, come le spezie. Ha quindi un tocco elegante, è una tequila da assaporare consapevolmente.

Questo processo di invecchiamento dura circa 8 mesi e si ottiene un liquore squisito, dai sapori molto concentrati. È una produzione che opera da molto tempo, come ha tradizione dal 1942, fa anche parte di una collezione di tequila.

3. Tequila 1800 Añejo 700 ml

È prodotto dalla famosa agave blu, fiore all’occhiello della produzione nazionale messicana, che viene raccolta di generazione in generazione nelle zone rurali della città di Jalisco, ed è confezionata nella famosa cittadina di La Rojeña.

Questo è un liquore molto esclusivo, ed è che la lavorazione che avviene affinché il prodotto ottenga consistenza e sapore è un vero lavoro della tradizione. Il distillato è doppio e l’invecchiamento a cui è sottoposto è di 3 anni.

Il legno utilizzato per invecchiare questa tequila è il rovere francese, che ha un aroma naturale di chiodi di garofano e cannella. Infatti è famoso per fornire un gusto simile alla frutta secca come la noce e persino il caramello, che spesso diventa troppo dolce per un liquore di qualità come questo.

4. El Jimador Reposado Tequila – 700 ml

È un liquore che si fa con ingredienti di base, in quanto contiene liquore e acqua nella sua ricetta. Si presenta in un flacone trasparente, che mostra molto bene il colore limpido del liquido. Contiene 700 ml e ha il numero 38 di grado alcolico in base al suo volume.

È fatto con l’agave di La Herradura, una casa di raccolta. Il processo di selezione dell’agave è fatto a mano, e viene fermentato attraverso processi forse molto semplici, con una doppia distillazione che generano un prodotto un po’ forte per gli utenti.

5. Don Julio Blanco Tequila, 700ml

Questa tequila bianca si presenta in una bottiglia bella ed elegante con dettagli trasparenti e blu. Inoltre, ha forme arrotondate e un cappuccio bianco. La particolarità che ha è che il sapore non è piccante e presenta elementi agrumati poco apprezzati dagli utenti.

È un liquore appropriato per gli amanti delle bevande più asciutte, in quanto è realizzato con agave di ottima qualità, utilizzando i suoi elementi più chiari e fornendo anche aromi di agrumi. È fatto da abbinare ad altre bevande, ad esempio il famoso Margarita e altri cocktail.

6. Herradura Tequila REPOSADO 100% de Agave 40%

È uno dei liquori più esclusivi del marchio Herradura, che produce un liquido molto aromatico e speziato con cannella e vaniglia, a base di agave pura, raccolta in Messico. È anche una bevanda con un grado alcolico troppo elevato, che la rende piuttosto intensa al gusto.

Conserva ancora i metodi di riposo che l’azienda ha portato avanti fin dalla sua nascita, come da tradizione. Quando altri marchi conservano le loro tequila per un paio di mesi, Herradura lo fa per altri 9 mesi circa, per un sapore molto più concentrato, risultando in un liquore esclusivo e unico.

Questa tequila viene prodotta in una fattoria chiamata La Herradura, proprio come si faceva nei tempi antichi. Per questo motivo il sapore vintage deriva da un metodo abbastanza naturale che non è cambiato negli anni, poiché dal 1974 si fa così senza variazioni.

7. Patrón Añejo Tequila

È un’altra delle tequila più importanti sul mercato, e funziona molto bene se si vuole bere un liquido forte, dal sapore piccante e dolce. Ha aromi estratti da noci e anche da miele e uva passa con un tocco di vaniglia intensa.

Ha anche un sistema di invecchiamento abbastanza lungo, nello specifico 12 mesi, perché solo così si ottiene il suo sapore caratteristico. Ha colore ambrato contenuto in una bottiglia dai bordi arrotondati e dal tappo a bulbo.

Per quanto riguarda il sapore, è abbastanza morbido, non è secco, poiché nella sua preparazione sono presenti elementi molto dolci per dargli un tocco speciale. Lì includono noci, uvetta e persino melone, che si sposa molto bene con la quercia in cui vengono macerati tutti questi sapori.

Non è però così versatile come si crede, purtroppo funziona meglio berlo da solo che con esso.

Ma non è tutto, includono note affumicate per migliorare la bevanda e persino caramello per accentuare elementi come miele e frutta. È una tequila con una gradazione alcolica del 40%, che la rende una bevanda forte.

8. Casamigos Tequila Blanco

È una squisita tequila bianca, presentata in una bottiglia allungata e trasparente per denotare la purezza del liquido. Contiene circa 700 ml e la sua gradazione alcolica raggiunge il 40%, il che la rende una tequila forte, di colore molto chiaro e a base di agave.

Il sapore ha anche note di frutta, perché l’hanno sviluppato per essere un liquore dolce, che non piace a tutti. All’assaggio si percepisce il sapore dell’agave, che viene selezionata a mano, e anche sentori di frutta, che si traducono in una leggera tequila.

È perfetto da abbinare ad altri liquori e cocktail, perché grazie al suo sapore dolce, può essere abbinato al famoso cocktail Margarita e continuerà a fornire un buon sapore. Questa, come quasi tutte le rinomate tequila, è prodotta in Messico, ed è identificata come un prodotto privo di proteine ​​animali.

La bottiglia ha un peso completo di 1,13 chilogrammi e l’età che presenta è un po’ più modesta rispetto ad altri liquori. L’azienda che li produce riferisce che il tempo di riposo è di 2 mesi, dal sapore tenue, ma che dura in bottiglia.

9. Olmeca Fusión Sabor Chocolate Oscuro Licor

Il marchio presenta una delle sue tequila più notevoli, poiché ha un delizioso sapore di cacao, che è un segno distintivo dell’artigianato e della produzione messicani originali. Si abbina al whisky, e per questo motivo si perde un po’ l’essenza originaria del sapore dell’agave.

Ha un forte aroma di cioccolato fondente di magnifica qualità, realizzato con una base di cioccolato totalmente puro e naturale, anche se vengono aggiunte anche nocciole tostate che si abbinano molto bene a questo tipo di cacao. Ha anche come ingrediente base il succo di agave, ben cotto.

È una tequila autentica, ma mescolata con molti elementi naturali e aromi dolci. Ha una consistenza morbida, molto setosa, niente a che vedere con i più tipici liquori al cacao denso, permette un sapore ideale, perfetto da mescolare o da gustare da solo. Anche il suo colore scuro ricorda il cioccolato, senza perdere l’essenza del liquore.

La bottiglia in cui arriva è molto rappresentativa della cultura messicana ed è trasparente, quindi puoi vedere il liquido con il cioccolato dall’esterno. 700 ml è il contenuto, contiene lievito e la sua etichetta lo certifica come adatto ai vegetariani.

10. Tequila Sauza – Sauza Extra Gold 38%

È una tequila liscia, dal delizioso sapore di caramello, con una gradazione alcolica del 38%. La bottiglia è da 700 ml ed è composta da una tequila con doppia distillazione e prodotta in Messico. Il suo colore è dorato tenue, anche se il sapore è di poco carattere, troppo rinfrescante per alcuni.

È combinato con il caramello per fornire dolcezza, con molto sapore per una neutralità desiderata durante l’abbinamento, ma senza perdere il proprio sapore e quindi può essere gustato da solo. Non ha mandorle o altra frutta secca, è a base di agave.

Conclusioni

Le tequila dai sapori delicati, con elementi aromatici e maturate in lussuose botti di legno sono state commercializzate di generazione in generazione. I processi naturali non sono quasi cambiati. Questo ci permette di continuare a realizzare un liquore squisito, con un sapore davvero unico e rappresentativo del Messico e dell’America Latina, in generale.

Grazie agli abbinamenti che le case di produzione realizzano, un liquore perfetto può essere bevuto da abbinare ad altri gusti come i cocktail, e consumato anche solo con un po’ di ghiaccio, poiché la bevanda è sempre cotta con spezie, per dargli un tocco agrumato o dolce, come ci si abitua.